Quale macchina del pane comprare ?

 

In questi ultimi anni si vanno diffondendo le macchine del pane: le ragioni sono essenzialmente due. La prima è causata dell'aumento notevole del costo del pane negli ultimi 5-6 anni, e l'altra è la qualità del pane.

In varie panetterie, infatti, si è scoperto che il pane viene solamente cotto, perché la produzione avviene altrove (in alcuni casi arriva dall'estero e cotto in Italia). Se dunque devono aumentare i costi e deve scadere la qualità, allora molti hanno cominciato a pensare di autoprodurlo.

Costi per produrre 1kg di pane. Un kg di pane, se comprato dal fornaio o al supermercato, costa circa 4-5 euro (di più se lo vogliamo con semi particolari). Ma quanto costa un kg di pane fatto in casa?

Per un kg di pane fatto con la macchina del pane ci vogliono circa 600gr di farina (circa 0,60€), 1/4 (o 1/3) di cubetto di lievito di birra fresco (circa 0,05€), un paio di cucchiaini di sale (circa 0,01€ o meno) e uno di zucchero (circa 0,01€ o meno). Si può anche aggiungere un cucchiaio di olio di oliva o di semi (circa 0,10€ o meno). A questo va aggiunta l'elettricità per produrre questo pane, in genere 1KW (0,20€); ammettiamo anche 1,5 KW in caso di cotture più lunghe (0,30€). In totale, autoprodurre 1 kg di pane costa circa 1 euro (più qualcosa per i semi, se ne vogliamo).

Adesso, vediamo quanto questi costi possono variare su 1 anno: due persone possono spendere tranquillamente dai 400 ai 500 euro di pane all'anno, cioé 100 kg (considerando una media di 1 kg ogni 3 giorni, cioé 150/200 grammi al giorno a testa). Una famiglia di 4 persone, può avvicinarsi ai 1000 euro di spesa per il pane.

Quali sarebbero invece i costi con una macchina del pane? Come abbiamo visto, circa 4-5 volte meno, e cioé sui 100 euro per due persone e 200-250 euro per 4 persone.

Quando costa una macchina del pane? Dai 50 ai 150 euro circa, a seconda della marca.

Che tipo di pane si riesce a fare? Con una buona macchina del pane si può fare qualsiasi tipo di pane (bianco, integrale, al farro, senza glutine, ecc.), ma con una differenza: se vogliamo che il pane sia cotto con la macchina del pane, sarà solo pane a cassetta, che avrà la forma rettangolare del cestello.
Se vogliamo fare pane di tipo diverso (panini, o pagnotte, o pane di qualsiasi forma), dobbiamo prelevare l'impasto dalla macchina (ognuna ha almeno un programma di solo impasto) e cuocerlo nel forno. E' una cosa un po' scomoda (non tanto per il costo, che pure aumenta di circa 0.20€), quanto per il fatto che il pane va tolto dalla macchina, steso, diviso in panini e messo in forno (viene un ottimo pane, ma non tutti hanno tempo).

Quali indicazioni utili per comprare una buona macchina del pane? Il punto debole di tutte le macchine del pane è il cestello. Purtroppo ancora non esistono macchine con cestelli smaltati o in pietra, ma sono tutte rivestite in teflon. La durata di un cestello, se la macchina viene utilizzata in media 2-3 volte alla settimana, è di circa 2 anni. Se si prende una marca sconosciuta, allora molto difficilmente troveremo un cestello di ricambio (e dopo 2 anni dovremo ricomprare un'altra macchina, se non vogliamo tenere un cestello che perde teflon), dunque è bene fare attenzione.
Altri limiti sono nel rumore (in genere durante l'impasto fanno un certo rumore, che non le rende molto adatte ad un utilizzo notturno) e nel calore (molte macchine scottano durante la cottura).

Quali marche scegliere? Premesso che la qualità del pane non è troppo dissimile tra macchine di prezzi diversi, se non si hanno problemi a spendere, certamente le Panasonic offrono qualcosa in più (poco rumore e basso calore durante la cottura), ma costano molto di più.
In ogni caso tutte le principali marche di elettrodomestici da cucina (Kenwood, Moulinex, ecc.) in genere fanno delle buone macchine.
 

 

 

Torna a Tuttobenessere

 

.

Tuttobenessere.org

Copyright. Tutti i diritti riservati